Il traffico mobile cresce di 300 volte in dieci anni. Come è cambiato il panorama mobile, secondo l’Ericsson Mobility Report


Come si è evoluto lo scenario delle reti mobili e dell’uso delle connessioni cellulari? Ericsson fotografa un decennio di evoluzione con il decimo Ericsson Mobility Report, in cui l’azienda comunica diversi dati interessanti sui cambiamenti a cui abbiamo assistito durante gli anni Dieci e in questo primo biennio degli anni Venti.

Dieci anni di evoluzione delle tecnologie mobili nell’Ericsson Mobility Report

Rispetto al 2011, oggigiorno ci sono 5,5 miliardi di utenti di smartphone in più, c’è 300 volte il traffico dati su reti mobili, e il numero di abbonamenti a reti 4G è aumentato da 9 milioni a circa 4,7 miliardi. Molto è cambiato nel corso degli ultimi dieci anni e molto ancora cambierà in futuro.

Il 5G è sicuramente la novità più grande di oggi rispetto al 2011. Le stime parlano di circa 660 milioni di abbonamenti 5G entro la fine dell’anno e del 23% di dispositivi venduti che supportano le nuove reti, con una crescita decisamente superiore a quella ottenuta dal 4G nello stesso periodo di tempo dal lancio. Solo quest’anno ci sono stati 48 milioni di nuovi abbonamenti 4G, ma ben 98 milioni di nuovi abbonamenti 5G, ovvero più del doppio, nonostante il 4G stia iniziando ad arrivare solo ora in numerosi punti del globo (in particolare l’Asia e l’Africa) e sia spesso più economico per l’utente sia in termini di abbonamento che di costo del dispositivo. La crescita del 5G ha superato tutte le stime del rapporto del 2015, che prevedeva appena 150 milioni di abbonamenti per quest’anno (ma c’è anche da dire che l’accelerazione dell’implementazione delle reti di nuove generazione non era prevista all’epoca), arrivando invece a 660 milioni di abbonamenti complessivi.

Il rapporto di Ericsson sottolinea, però, come la più grande crescita del 5G sia prevista in futuro. L’azienda prevede che nel 2027 gli abbonamenti 5G supereranno quelli 4G, arrivando a 4,4 miliardi su un totale di 8,9 miliardi; in Europa occidentale si prevede saranno l’83% del totale. Una crescita significativa arriverà dagli abbonamenti di connettività fissa (FWA, Fixed Wireless Access), che nel 2027 dovrebbero arrivare a 230 milioni nel mondo, con circa 800 milioni di persone che potranno beneficiarne. Attualmente sono circa 88 milioni le connessioni FWA.

Il traffico generato dalle connessioni su reti cellulari è cresciuto esponenzialmente, arrivando a toccare quota 78 EB (exabyte, ovvero milioni di terabyte) nel terzo trimestre. Per dare un’idea della dimensione del fenomeno, nel solo trimestre considerato è stato generato più traffico di tutto il traffico mobile generato fino al 2016 messo insieme. La crescita è destinata a continuare a ritmi vertiginosi, toccando 370 EB nel 2027.

Anche le connessioni IoT continuano a crescere: attualmente la tecnologia più diffusa è l’IoT Broadband (con il 47% delle connessioni previsto per la fine dell’anno), con 2G/3G (37%) e Massive IoT (16%, comprende NB-IoT e Cat-M) a seguire. Nel 2027 si prevede che quest’ultima tecnologia superi tutte le altre, arrivando a coprire il 51% del mercato.

Fredrik Jejdling, Executive Vice President e Head of Networks in Ericsson, commenta: “La comunicazione mobile ha avuto un impatto incredibile sulla società e sul business negli ultimi dieci anni. Quando guardiamo al 2027, le reti mobili saranno più che mai parte integrante del nostro modo di interagire, vivere e lavorare. Il nostro ultimo Ericsson Mobility Report mostra che il ritmo del cambiamento sta accelerando e la tecnologia gioca un ruolo cruciale.”

Il rapporto è disponibile a questo indirizzo.



Source link

Rispondi