Guida autonoma Tesla, ecco cosa vede l’intelligenza artificiale che impara a guidare


Il nome di Tesla spesso associato alla guida autonoma, sebbene il sistema cos come concepito per ora rientri solamente nel livello 2 della scala SAE, ovvero quello che richiede sempre l’assistenza del guidatore. Ma, come sappiamo bene ormai da tempo, Tesla sta preparando la cosiddetta Full-Self-Driving, e per farlo ha implementato un nuovo sistema software ed anche una sorta di intelligenza artificiale che impara a guidare l’auto.

Ma il software da solo non pu imparare, ha bisogno di avere una dettagliata descrizione dell’ambiente circostante, grazie a migliaia di esempi di situazioni simili che gli consentono di identificare ostacoli, altre auto, persone o animali, o semplicemente il bordo della strada. Per far questo ci sono parecchi impiegati Tesla che si occupano di “etichettare” tutto ci che compare nei video ripresi dalle telecamere di bordo, ma questo lavoro non basta.




Sfruttando anche il super computer Dojo, Tesla pu dare in pasto le immagini a un algoritmo, che si occupa di etichettare autonomamente quello che vede. Al momento il progetto in una fase iniziale, ma il capo della divisione Andrej Karpathy ha condiviso su internet delle immagini che sembrano ben promettenti. La AI riconosce veicoli, pedoni, motociclisti, varie strutture stradali e cartelli.

Tesla AI

Se i risultati preliminari dovessero confermarsi a lungo termine, questo asso nella manica si aggiungerebbe a un altro che Tesla sta usando da molto tempo: la quantit di auto gi vendute. Al momento la casa californiana ha circa un milione di auto su strada, e tutte contribuiscono a fornire dati e video alla casa madre, anche quelle che ufficialmente non hanno in funzione la guida assistita al massimo livello. Tutti i dati raccolti sono troppo pesanti per i computer di bordo, ma una volta passati ai super computer possono generare un enorme plus di insegnamento stradale. Per questa accoppiata quantitativa e qualitativa Tesla considerate tutt’ora in netto vantaggio sulla concorrenza in materia di guida autonoma.







Source link

Rispondi