Anas, Aldo Isi designato nuovo amministratore delegato. La presidenza a Edoardo Valente


Sono questi i due nomi che Ferrovie dello Stato, che controlla Anas, senza guida da sette mesi, ha espresso nel corso del consiglio di amministrazione. I nomi, secondo la procedura, passano ora al ministero dell’Economia, che deve dare il nulla osta in quanto azionista unico di Fs. Isi è l’attuale ad di Italferr, mentre Valente è generale di Corpo d’Armata della Guardia di finanza

Aldo Isi si avvia ad essere il nuovo amministratore delegato di Anas, mentre Edoardo Valente ne sarà il presidente. Sono questi i due nomi che Ferrovie dello Stato, che controlla Anas, ha espresso nel corso del consiglio di amministrazione. I nomi, secondo la procedura, passano ora al ministero dell’Economia, che deve dare il nulla osta in quanto azionista unico di Fs. Isi, ingegnere parmense di 50 anni, dal 2018 è l’ad di Italferr, la società di ingegneria del Gruppo Fs. Nei due anni precedenti era invece stato direttore investimenti di Rete Ferroviaria Italiana.

Valente, invece, è generale di Corpo d’Armata della Guardia di Finanza. Napoletano, classe 1959, ha ricoperto numerosi incarichi nel corpo, compreso quello di vice capo di Gabinetto del ministro dell’Economia tra il settembre 2012 e il luglio 2015 quando in via XX Settembre si sono alternati Vittorio Grilli, Fabrizio Saccommanni e Pier Carlo Padoan. Successivamente è stato comandante interregionale dell’Italia Centro Settentrionale e dell’Italia Centrale.

L’Anas è senza guida da sette mesi, a causa dei contrasti tra Fs e politica per la nomina dei nuovi amministratori. Da aprile ad oggi sono via via sfumate tre candidature, quella di Ugo De Carolis, Paola Firmi e Maria Annunziata Giaconia. Ad agosto De Carolis sembrava a un passo dalla nomina, caldeggiata dal governo e dal ministro dei Trasporti Enrico Giovannini: a bruciarlo fu che l’ex ad di Aeroporti di Roma, società controllata dalla Atlantia dei Benetton, è uomo storicamente vicino a Giovanni Castellucci, l’ex braccio destro della famiglia di Ponzano veneto imputato a Genova per il disastro del ponte Morandi.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un’informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie,
Peter Gomez


ilFattoquotidiano.it


Sostieni adesso


Pagamenti disponibili

Articolo Precedente

Tim, allarme conti (c’entra Dazn): 11 membri del Cda contro l’ad Luigi Gubitosi. I sindacati: “A rischio 40mila posti, Giorgetti ci incontri”

next




Source link

Rispondi