Monica Bellucci, amo gli uomini ma mi ispirano le donne – Piemonte


Non mi sento la Gioconda. I miei modelli? Loren, Magnani e Vitti


(ANSA) – TORINO, 01 DIC – “Amo gli uomini, ma la mia fonte
d’ispirazione sono le donne. Se in un film manca l’elemento
femminile mi annoio. Con loro c’è un rapporto più diretto. Oggi
finalmente ci sono tante registe”. Monica Bellucci non parla
soltanto del film-documentario The girl in the fountain in cui
interpreta la musa felliniana Anita Ekberg. E’ al Torino Film
Festival per presentarlo e, con il regista Antongiulio Panizzi,
partecipa al Museo Nazionale del Cinema, alla Mole Antonelliana,
alla masterclass ‘Meravigliarsi’. Le domande degli studenti e
del pubblico sono tante e Monica Bellucci non si sottrae.
   
“I miei modelli? Sono le attrici che hanno fatto sognare
l’Italia: Sofia Loren, Anna Magnani, Monica VItti. E’ a loro che
mi sono ispirata”, spiega. “Non mi sento la Gioconda, faccio il
mio lavoro con amore e con passione. Mi fa piacere sentire dire
che riesco a fare sognare, ma qui a Torino mi avete fatto salire
così in alto che per tornare con i piedi per terra ho bisogno di
andare un po’ a casa e stare con le mie figlie”, dice l’attrice,
57 anni, che a Torino ha ricevuto il premio Stella della Mole.
   
“Questo Festival è stupendo, attento ai nuovi registi e alle
innovazioni. Il luogo giusto per presentare un film come The
girl in the fountain che è un vero gioiello”. (ANSA).
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA