“Abbiamo aggiunto synth e diverse trame…”: Kim House dei Fotoform ci parla dell’ultimo album


L’uscita dell”ottimo sophomore “Horizons” ha definitivamente consacrato la concreta e decisa realtà new-wave/post-punk rappresentata dal trio di Seattle dei Fotoform formato dalla cantante e bassista Kim House, dal chitarrista nonché suo marito Geoffrey Cox  e da Michael Schorr, ex batterista dei Death Cab For Cutie. Ed è proprio in occasione dell’uscita del nuovo album che abbiamo approfittato per scambiare due piacevolissime chiacchiere via e-mail con Kim che, oltre alle indubbie doti canore e di musicista, si è dimostrata essere una persona davvero interessante, gentile ed intima.

Ciao Kim, un vero piacere, come stai? Da dove ci stai scrivendo?
Ciao Alex! Sto molto bene, grazie. Il piacere è mio. Sto scrivendo da Seattle.

A pochi giorni dall’uscita di “Horizons”, i riscontri mi sembrano più che positivi. Siete sorpresi oppure è quello che vi aspettavate?
Siamo stati molto contenti della risposta all’album finora. Sembra davvero echeggiare tra le persone e sono grata per questo. Penso che sia difficile e forse anche un po’ pericoloso cercare di prevedere come le persone reagiranno alla musica ed all’arte. Se ci pensi troppo, ti allontanerà dalla vera emozione e intento, che alla fine è ciò a cui le persone tendono a raggiungere. Il nostro sound si è evoluto dall’ultimo album. Siamo un trio ora. Abbiamo aggiunto synth e diverse trame e gli  abbiamo ritagliato più spazio per far brillare i diversi elementi. Questo è anche il nostro primo album con il nostro batterista Michael che ha portato un nuovo focus, profondità e guida alla band. Questo album in particolare mi sta molto a cuore. Gli ultimi due anni hanno portato così tante difficoltà e perdite. A volte fare musica era l’unica cosa che potevo fare per dare un senso alle cose, per far uscire i sentimenti. Sono così grata di avere la musica come sfogo e di essere in una band con Geoff e Michael, che sono entrambe persone così brave e così talentuose.

Sono passati quattro anni dal vostro album d’esordio e molte cose sono cambiate da allora. Ecco, a proposito della line-up, dove hai citato Michael Schorr ex batterista dei Death Cab for Cutie. Come è nato il vostro incontro?
Alcuni anni fa, a Geoff è stato chiesto di suonare la chitarra in una band per uno spettacolo di beneficenza (facendo cover dei Cure e dei Joy Division) e Michael era il batterista. In seguito si sono riuniti di nuovo per una serata tributo alla Dischord Records per l’inaugurazione di un club. Eravamo davvero entusiasti di avere la possibilità di suonare con lui nei Fotoform, ed è stato fantastico lavorare con lui, specialmente quando eravamo tutti isolati.

A proposito di incontri, come è nato quello tra te e Geoffrey? Sono nati prima i Fotoform oppure prima la vostra relazione? Ci racconti com’è andata e come è nata la band.
Geoff e io ci siamo conosciuti quando lui era al college e lavorava alla Sub Pop Records mentre io frequentavo la scuola di design e vivevo nello spazio di un magazzino dall’altra parte della strada. Ho iniziato a suonare nella mia prima band subito dopo che abbiamo iniziato a frequentarci, ma Geoff e io abbiamo suonato musica insieme solo dopo. Geoff e io abbiamo vissuto in Germania per un anno, dove lui ha insegnato in un’università (in seguito ha conseguito il dottorato in letteratura tedesca). Abbiamo formato i C’est la Mort quando siamo tornati a Seattle con due delle ragazze della mia prima band. Dopo aver pubblicato un album completo e aver subito diversi cambi di formazione, ci siamo sciolti e abbiamo fondato Fotoform.



Cosa c’è oltre la musica per i Fotoform?
Sono una stilista di moda e di calzature nonché Direttore Creativo. Ho un background nello sviluppo del marchio e nella previsione delle tendenze ed ho lavorato per un certo numero di “grandi” aziende negli Stati Uniti, viaggiando anche molto in Europa (e in Asia) per lavoro. Attualmente ho una consulenza rivisitare la partecipazione dell’industria della moda in modo più sostenibile. La fast fashion e il consumo eccessivo sono questioni che mettono davvero in pericolo il futuro del nostro pianeta. Poco prima della pandemia studiavo moda sostenibile al Polimoda di Firenze. L’Italia ha una così lunga tradizione di artigianalità e di valorizzazione della qualità rispetto alla quantità. Questa è, o almeno dovrebbe essere, l’onda del futuro. Geoff è un editore e traduttore presso una piccola agenzia di traduzioni a Seattle. Michael è un designer di videogiochi (per Halo).

Siouxsie & the Banshees, The Cure ma anche qualcosina di Joy Division. Oltre a questi, quali sono gli artisti o le band che vi hanno maggiormente influenzato e come hanno inciso, se hanno inciso, nella realizzazione dell’album?
Per quanto mi riguarda, aggiungerei Cocteau Twins, David Sylvian/Japan, Wire e The Chameleons alla lista delle influenze. Anche Slowdive, Lush, MBV, Blonde Redhead. Non suonavo il basso quando ho ascoltato per la prima volta i Cocteau Twins, ma penso che Simon Raymonde abbia davvero influenzato il mio modo di suonare. (Come hanno fatto Simon Gallup e, ovviamente, Peter Hook). Non sono sicura di quanto siano state influenti queste band nella musica che suoniamo, ma io e Geoff abbiamo entrambi un debole per i Notwist e tutte le band che abbiamo scoperto attraverso la Morr Music, come Styrofoam, Lali Puna, Ulrich Schnauss, ecc. Amo anche Malka Spiegel (Minimal Compact, Githead). Le band più contemporanee che sono state in forte rotazione negli ultimi due anni per me vanno da Libano Hanover, Drab Majesty, Soft Kill, Film School, Be Forest, Alvvays, DIIV e Bat for Lashes fino a (anche se ho paura di distruggere qualsiasi “credito di strada” che possiamo aver ottenuto) Taylor Swift. Sono un fanatica della buona melodia, dei testi premurosi, delle canzoni ben realizzate e delle atmosfere che mi portano in un altro posto. Tutto ciò che mi commuove, mi fa piangere o mi fa venire voglia di ballare. Posso essere ovunque, musicalmente, davvero. Penso che sia una buona cosa.



Wow Kim, hai nominato alcune band come Slowdive, LushBlonde Redhead Notwist Styrofoam, Lali Puna, Bat for Lashes, che sono sempre state nei miei ascolti preferiti! Bene!
Parliamo di Seattle, una città piena di vita, dove sono nate e cresciute band fondamentali. Come ha inciso nel vostro percorso musicale e se negli anni la trovate cambiata sotto questo aspetto. 
Mi sento così fortunata ad essere cresciuta in una città con una comunità musicale così vivace e duratura. Abbiamo avuto l’opportunità di vedere così tante grandi band ed essere testimoni, fin dalla giovane età, dello sviluppo e il fiorire di generi entusiasmanti e influenti. Penso che crescendo in un posto come Seattle tu dia quasi per scontato che ci siano così tanti spettacoli ogni sera. Questo è ancora vero oggi, ma i club stanno lottando perché gli immobili diventano più costosi e, naturalmente, molti club se la passano a malapena dopo la chiusura della pandemia. Spero che possiamo salvare i nostri luoghi di musica. La musica fa parte della storia e del DNA di Seattle. Una parte importante della protezione di questo patrimonio e nella garanzia che continui è proteggere i luoghi più piccoli in cui le band possano crescere. Senza che la scena morirà sulle vite. Siamo in un momento tenue.

A tal proposito, avete qualche band o musicista interessante di Seattle da suggerire ai nostri lettori?
Ci sono così tante fantastiche band del nord-ovest del Pacifico e qui ne nominerò solo un paio. I Prids sono una grande band di Portland e amici di vecchia data. Hanno fatto degli ottimi dischi e sono anche molto divertenti dal vivo. Amiamo assolutamente i Soft Kill (anche di Portland). Che band prolifica ed eccitante! Il nuovo album degli Spirit Award è fantastico e non solo perché siamo amici intimi del loro bassista (che ha anche realizzato l’artwork per il nostro album). Amici di lunga data come Black Nite Crash e NewAgeHealers vanno in una direzione pesantemente shoegaze/psych. I Dirty Sidewalks sono un altro gruppo locale nostro preferito. Evan dei Dirty Sidewalks ha registrato e mixato “Horizons” ed Erik ha girato i video di “Running” e “We Only Have So Long”. Sono una famiglia di talento e anche nostri buoni amici. Ci sentiamo fortunati a far parte di una comunità così meravigliosa e solidale, dove lavoriamo tutti insieme, sia come band che con il fantastico supporto di KEXP (stazione radio pubblica di Seattle specializzata in rock alternativo), per esempio.

Ottimi consigli Kim!
Prima hai accennato di due anni di difficoltà e di perdite. Ecco, “We Only Have So Long” oltre ad essere un bellissimo brano si porta dietro una storia importante. A proposito di questa traccia hai detto che: “la risonanza di questa traccia è cambiata dopo la morte di mio padre e continua a evolversi, anche adesso, mentre i miei ricordi di quel periodo si intrecciano con il presente”. Oggi, senti ancora di più l’esigenza di riversare i ricordi, le esperienze, i drammi all’interno di una canzone?
Grazie. Gli ultimi due anni sono stati difficili a livello personale, non solo per l’isolamento e le lotte legate alla pandemia, ma anche con la morte improvvisa di mio padre. Eravamo molto uniti e sono ancora molto addolorata per la sua perdita. Sono così grata di avere la musica come sfogo creativo e come mezzo di comunicazione che trascende il solo linguaggio. Di solito non inizio con l’intenzione di scrivere su un determinato argomento, i testi provengono da un luogo inconscio che spesso riflette lotte o esperienze attuali. Le parole e le emozioni provengono dall’etere. In questo album, di sicuro, puoi sentire echi di perdita, desiderio e ricordo. Ma anche speranza, resistenza e perseveranza. C’è il desiderio di raggiungere e connettersi con persone che stanno vivendo esperienze simili e, si spera, portare un po’ di conforto.



In futuro credete di rimanere su queste sonorità o pensate di sperimentare altro. E, al riguardo, se avete materiale già pronto per il prossimo album.
Siamo davvero nell’evoluzione del nostro suono con la nuova formazione. Penso che continueremo a esplorare e sviluppare gli strati e le strutture spaziali con cui abbiamo iniziato a giocare in “Horizons”. Abbiamo un sacco di nuovo materiale, ma non sono sicura di quanto finirà nel prossimo album. Ho scritto molte canzoni davvero tristi l’anno scorso dopo la morte di mio padre e durante l’isolamento dovuto alla pandemia di cui non sono sicura di cosa fare. Stiamo pensando di registrare e pubblicare un potenziale EP o forse un LP di quelle canzoni, incluse alcune basate sul pianoforte, ma non ne sono sicura. Potremmo lasciarli per ora o sceglierne uno o due su cui lavorare per il prossimo disco. Ultimamente abbiamo scritto un paio di nuove canzoni che amiamo davvero. Quelle faranno sicuramente parte del prossimo lavoro.

Kim, mi hai detto che stai studiando italiano! Pandemia permettendo, perché non pensate a qualche concerto qui in Italia?
Ci piacerebbe venire a suonare in Italia. Abbiamo fatto un piccolo tour europeo in Francia, Germania e Italia dopo l’uscita del nostro primo album e ci siamo divertiti molto. Non vediamo l’ora di tornare. Ho anche avuto il piacere di lavorare e studiare in Italia. È sempre stato un mio sogno passare più tempo lì. Imparare l’italiano è stato un ottimo modo di viaggiare, almeno nello spirito.
Come stilista di calzature/moda e trend forecaster penso che ci saranno sempre opportunità per tornare, dato che l’Italia è un cuore pulsante per il design, l’arte e l’artigianato. Per non parlare delle persone meravigliose, degli amici, del cibo, della storia, dell’architettura e della campagna straordinariamente bella. Tanta ispirazione e bellezza. (Ovviamente spero davvero di tornare presto!)

E tutto Kim. Potresti scegliere una delle tue canzoni da utilizzare come colonna sonora per questa intervista e perché?
Ooh questa è difficile. Andiamo con ” Running “. Sono curiosa, qual è la tua traccia preferita Alex?

Premetto che mi piacciono davvero tutte, ma dovendo scegliere dico “We Only Have So Long” e “You Set Fire To The Sun” perché musicalmente mi riportano alla memoria sonorità vicine a “Disintegration” dei Cure, un album che adoro. Grazie mille ed a presto Kim!
Grazie a te!





Source link

Rispondi