PESCHERECCI AFFONDATI NEL PORTO DI TERMOLI. LA CAPITANERIA DI PORTO METTE IN SICUREZZA LE DUE IMBARCAZIONI


Pescherecci affondati nel porto di Termoli. La Capitaneria di Porto mette in sicurezza le due imbarcazioni


Nella mattinata del 30 Novembre 2021, all’interno del porto Termolese, scattava l’allarme per la segnalazione dell’affondamento di unità da pesca. Si attivava subito il dispositivo di salvaguardia della Capitaneria di Porto al fine di garantire la sicurezza della navigazione nonché la tutela delle acque portuali che consentiva la messa in sicurezza dei due pescherecci affondati.

In particolare, nella prima mattinata odierna, perveniva una segnalazione, circa un peschereccio in corso di affondamento, a seguito della quale personale della Capitaneria di Porto provvedeva repentinamente alle verifiche del caso, giungendo tempestivamente sul posto via mare e via terra ed accertando la veridicità dell’evento segnalato. La situazione che appariva agli occhi degli intervenuti era l’affondamento di una unità da pesca, la quale risultava completamente immersa, ed i cui cavi di ormeggio risultavano collegati ad altra unità in adiacenza che aveva assunto una critica inclinazione con imbarco di acqua. Nell’immediatezza gli eventi venivano comunicati alla sala operativa della Capitaneria di porto la quale provvedeva alla richiesta di intervento dei vigili del fuoco i quali, sopraggiunti in porto, si adoperavano per cercare di tranciare i cavi che collegavano l’unità affondata e l’unità in precario galleggiamento. La situazione diveniva particolarmente critica allor quando anche la seconda unità, a seguito di copioso imbarco di acqua, affondava. A questo punto i soccorritori, grazie all’ausilio di una gru, intervenuta sul posto su richiesta degli armatori interessati, ed all’operato del sommozzatore locale riuscivano a recuperare, a mezzo imbracatura, i pescherecci sinistrati che, a seguito di aspirazione dell’acqua presente sugli stessi e raggiunta la condizione di galleggiabilità, venivano successivamente rimorchiati presso un locale cantiere navale sotto la vigilanza della M/V CP 878 della Capitaneria di Porto di Termoli. 

Durante tutta la durata delle sopra descritte operazioni venivano, altresì, poste in essere tutte le necessarie cautele utili a tutelare le acque portuali da eventuali forme di inquinamento connesse agli eventi. In particolare, veniva disposto l’impiego di appositi dispositivi galleggianti antinquinamento aventi finalità di contenimento e contestuale assorbimento dei materiali oleosi sversati in mare.

Il Comandante Nacarlo, nell’esprimere la solidarietà della Guardia Costiera molisana ai pescatori coinvolti nel sinistro desidera al contempo ringraziare e complimentarsi con tutti gli operatori portuali e i Vigili del fuoco che con azione sinergica, sotto il coordinamento della Capitaneria di porto, hanno consentito di salvare entrambe le unità affondate. 

Gli eventi occorsi sono tuttora sotto la lente di ingrandimento della Capitaneria di Porto al fine di accertare le cause e responsabilità degli stessi.





Source link

Rispondi