11 curiosità sul film cult degli anni 2000


Se pensiamo agli anni 2000 non possiamo fare a meno di collegarli ai pantaloni a vita bassissima (che sono ritornati) le mollettine nei capelli, sopracciglia ultrasottili, Lizzie MCGuire, MTV e le boyband e le sexy vallette che sgambettavano sulle reti della tv generalista. Ma tra tutte queste cose non possiamo non ricordare l’uscita de Il Diario di Bridget Jones, film diretto da Sharon Maguire con protagonista Renée Zellweger uscito nell’aprile del 2001.

Con Bridget Jones c’è stata una vera rivoluzione e ci meravigliamo a pensare quanto abbia percorso i tempi e sia ancora attuale. Infatti la protagonista del film ha soverchiato quelli che erano i canoni delle eroine delle commedie romantiche: la giovane donna carina ma sfortunata in amore. Con la Bridget Jones questa figura fu stravolta perché finalmente ci venne presentato un personaggio goffo a cui scappava più di qualche parolaccia. Un personaggio che non indossava una taglia 40 e che non disdegnava fumare e alzare il gomito in compagnia dei suoi amici. Finalmente una donna reale. Allora parliamo delle curiosità che forse non conoscevate su questo iconico film.

LEGGI ANCHE > Titanic: 10 inedite curiosità sul kolossal con Leonardo Di Caprio e Kate Winslet

Il Diario di Bridget Jones torna in tv: 11 curiosità sull'iconico film

 

LEGGI ANCHE > GF Vip: Lulù le prova tutte con Manuel. C’è ancora speranza?

1. Il Diario di Bridget Jones è tratto dall’omonimo romanzo di Helen Fielding pubblicato nel 1995, a in pochi sanno che prima di scrivere il libro l’autrice aveva redatto una serie di testi pubblicati sul Daily Telegraph e il The Independent in cui descriveva in modo sarcastico le abitudini del ceto medio inglese. Ma soprattutto la grande fonte di ispirazione per la storia fu Orgoglio e Pregiudizio di Jane Austen. Dove troviamo, oltre ad un accurato e pungente quadro della società dell’epoca, un triangolo amoroso in cui la protagonista passava dall’infatuazione per un uomo poi rivelatosi un mascalzone, all’amore per un altro verso cui nutriva un iniziale disprezzo.

2. Renée Zellweger ha studiato l’inglese prima delle riprese poiché lei è americana ma Bridget Jones è britannica, cosa che ha costretto l’attrice a imparare a parlare con l’accento inglese. Per far sì che risultasse naturale di fronte le telecamere, oltre a seguire dei corsi ad hoc, incominciò a usarlo anche nella vita reale fino a quando Hugh Grant non rimase impressionato dai risultati raggiunti.

3. PriMa della Zellweger furono prese in considerazione altre attrici famose, anche se ormai Renée Zellweger viene associata a Bridget Jones, prima delle riprese del film c’erano altre grandi del cinema in lizza per interpretare quel ruolo. Kate Winslet, Toni Collette, Cate Blanchett ed Helena Bonham Carter.

LEGGI ANCHE>Owen Wilson assente al terzo compleanno della figlia: la madre sbotta

4. Le sigarette di Bridget erano “finte“, infatti mentre Bridget Jones è un’accanita fumatrice, Renée no e per evitare di mettere a rischio la sua salute vennero usate delle sigarette di scena. Al loro interno non c’era tabacco ma alcune erbe innocue.

Il Diario di Bridget Jones torna in tv: 11 curiosità sull'iconico film
Youtube

5. Renée Zellweger è ingrassata appositamente per il film, allo scopo di rendere meglio il personaggio di Bridget Jones, Renée Zellweger ingrassò seguendo una dieta a base di cibo spazzatura, pizze e bevande proteiche. Così facendo, mise su 12 chili in pochi mesi.

6. Colin Firth era la prima scelta per il ruolo di Mark sin dall’inizio. Fu infatti Helen Fielding a volere fortemente la sua presenza in quanto aveva già interpretato il ruolo di Mr. Darcy di Orgoglio e Pregiudizio nella mini serie della BBC.

LEGGI ANCHE > Timothée Chalamet rompe il silenzio: le sue parole sulle accuse ad Armie Hammer

7. Hugh Grant ha rischiato di non far parte del cast, il ruolo di Daniel Cleaver bello e dannato che fa perdere la testa a Bridget, viene da sempre associato a Hugh Grant. La cosa particolare è che, se non gli fosse stato affidato quel personaggio, l’attore si sarebbe rifiutato di entrare a far parte del cast. È stata la sua prima volta nei panni del cinico seduttore piuttosto che nell’inguaribile romantico.

8. Renée ha fatto di tutto pur di perfezionare il suo personaggio di Bridget Jones, anche lavorare davvero in una casa editrice. Per 2 settimane è stata una stagista “sotto copertura“, prendeva telefonate, portava il caffè ai colleghi, faceva fotocopie, tutto sotto il nome di Bridget Cavendish.

Il Diario di Bridget Jones torna in tv: 11 curiosità sull'iconico film
Youtube

9. Il Diario di Bridget Jones può vantare l’apparizione di alcuni personaggi illustri. Si tratta di Jeffrey Archer, Julian Barnes e l’autore de I Versi Satanici Salman Rushdie. Nel film, i tre scrittori prendono parte a una festa organizzata dalla casa editrice in cui lavora Bridget e lei non può esimersi dal fare una delle sue figure non proprio brillantissime.

10. La colonna sonora è quasi tutta al femminile, infatti quasi tutti i brani che la compongono sono stati selezionati dal compositore Patrick Doyle e la cosa particolare è che nella maggior parte dei casi vengono cantate da interpreti femminili, così da essere perfettamente in linea con lo spirito del film. Nella commedia possiamo così sentire, fra gli altri, I’m Every Woman di Chaka Khan, It’s Raining Man di Geri Halliwell, e All by Myself eseguita da Jamie O’Neal.

LEGGI ANCHE > Francesca Neri parla del figlio: “Durante la malattia lui non c’è stato”

11. Infine un fatto molto curioso che riguarda il signor e la signora Jones è che entrambi gli attori provengono da Hogwarts. I due, interpretati da Jim Broadbent e Gemma Jones, compaiono infatti nella saga di Harry Potter nei ruoli del professor Lumacorno e dell’infermiera Chips. Anche Jude, l’amica di Bridget interpretata da Shirley Henderson, è presente nei film. La sua parte nella saga è quella di Mirtilla Malcontenta.

colin firth stanley tucci supernova
credit: Michael Yada /A.M.P.A.S.



Source link

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *