A Napoli torna Gustus, già 100 espositori da chef a buyers – Campania


Dal 21 novembre più grande fiera Sud agroalimentare, gastronomia


(ANSA) – NAPOLI, 14 OTT – Dopo un anno di stop forzato a
causa della pandemia, torna Gustus, il salone professionale
dell’agroalimentare, enogastronomia e tecnologia, unica fiera
del settore del Centro Sud, con la sua settima edizione in
programma da domenica 21 a martedì 23 novembre 2021 alla Mostra
d’Oltremare di Napoli. Sono già oltre 100 gli espositori che
hanno confermato la propria partecipazione e che animeranno i
5mila metri quadri della struttura di Fuorigrotta insieme ai
visitatori professionali che possono continuare ad iscriversi
online.
   
“La grande novità del 2021 – spiega il patron di Progecta
Angioletto de Negri – è la presenza dell’Istituto Commercio
Estero (ICE) che ritorna a collaborare con Gustus e a
valorizzare le aziende del Sud con un’attività di sportello
informativo dedicato alle imprese in fiera e invitando una
delegazione di buyers europei che in fiera incontreranno gli
espositori. Si tratta di una opportunità importantissima per le
aziende del nostro territorio, per quelle già
internazionalizzate ma soprattutto per quelle che vogliono
affacciarsi ai mercati esteri”.
   
Nel ricco programma della tre giorni, spiccano le premiazioni
di chef, ristoratori e pizzaioli a cura di Luciano Pignataro e
momenti di aggiornamento per macellai e ristoratori della carne
organizzati da Federcarni. Nel corso della kermesse grande
spazio alla Federazione internazionale pasticceria, gelateria,
cioccolateria, protagonista con un palco dedicato dal quale si
potrà assistere a un focus sui dolci moderni con quattro
dimostrazioni sulla costruzione di pezzi artistici in
cioccolato, zucchero artistico e pastigliaggio a cura dei
campioni mondiali di pasticceria, alla premiazione della
‘Zeppola d’oro’ con un forum di aggiornamento sugli andamenti
della pasticceria nel periodo post covid. Protagonista della
settima edizione di Gustus sarà anche la Campania. Da un lato
sarà presente la Regione con uno stand con prodotti del
territorio, dall’altro è previsto l’evento a cura dell’Unione
regionale Cuochi della Campania “I prodotti tipici e le
eccellenze gastronomiche campane”.
   
Attenzione anche all’aspetto economico e fiscale con il focus
su “Bonus e opportunità di finanziamento e di agevolazioni
fiscali per le aziende e la ristorazione” a cura dell’Università
Federico II di Napoli. La fiera vede la partecipazione anche di
buyers delle catene di ristorazione, catene alberghiere e hotel,
operatori del mondo Bar, addetti ai lavori del food service. E
sarà anche il luogo in cui la Federazione italiana cuochi
riunirà il proprio consiglio. (ANSA).
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA