A Napoli bilancio poitivo per ‘Anteprima VitignoItalia’ – Campania


(ANSA) – NAPOLI, 01 DIC – “È stato davvero emozionante poter
incontrare di nuovo dal vivo, dopo la lunga pausa forzata, gli
operatori e i winelover di tutta la Campania e non solo. Ma
ancor più coinvolgente è stato senza dubbio l’incontro con i
produttori, che come e più di noi hanno sofferto negli ultimi
due anni per la mancanza di fiere ed eventi del genere dedicati
al comparto vitivinicolo. Un settore che sappiamo bene essere
strategico per il Made in Italy e che merita ora più che mai di
essere aiutato e sostenuto”. Così Maurizio Teti, direttore di
VitignoItalia, commentando la manifestazione ‘Anteprima
VitignoItalia 2021’, che ha fatto registrare, rilevano gli
organizzatori, “un grande successo di pubblico, tra appassionati
e addetti ai lavori. Un sold out totale, pur nel pieno rispetto
delle normative sanitarie vigenti”.
   
Protagoniste assolute della giornata, svoltasi nell’Hotel
Excelsior, oltre 80 aziende provenienti da tutta la Penisola (15
le regioni rappresentate, Campania in testa), per oltre 500
etichette disponibili tra i banchi d’assaggio.
   
Nell’ambito della manifestazione si è svolto il Forum delle
Economie “Vino e Turismo: trasformare le potenzialità in
opportunità per la valorizzazione del territorio”, realizzato
grazie alla partnership con UniCredit. Moderati da Leandro
Sansone, responsabile Territorial Development Sud UniCredit, sul
palco dei relatori si sono alternati, tra gli altri, Nicola
Caputo, assessore all’Agricoltura della Regione Campania,
Annalisa Areni, Regional Manager Sud UniCredit, Bruna Caira,
direttrice della Strada del Vino Nobile Montepulciano e dei
Sapori della Valdichiana Senese, Giuseppe Festa, direttore del
Corso di Wine Business nell’Università degli Studi di Salerno e
coordinatore scientifico dell’Osservatorio sul Turismo del Vino
dell’associazione Città del Vino. Punto centrale dell’incontro i
risultati della ricerca “Competitività e scenari di mercato per
la filiera vitivinicola secondo L’Agri4index Nomisma-UniCredit”,
illustrata da Denis Pantini, responsabile agroalimentare di Wine
Monitor Nomisma spa. “Dall’incontro – rilevano i promotori –
sono emerse alcune parole chiave, fondamentali per la
vitivinicoltura dell’immediato futuro, quali transizione
ecologica, sostenibilità, rafforzamento del digitale e nuovi
accordi commerciali. Importanti i contributi dei diversi
relatori di UniCredit che hanno evidenziato l’impegno
dell”istituto di credito nei confronti dell’imprenditoria del
settore agroalimentare”.
   
Altro momento importante è stato rappresentato dalla
degustazione che ha visto protagonisti 8 grandi vini campani,
espressione dell’annata 2007. Uno special event nato dalla
collaborazione con la Regione Campania e dedicato alla memoria
di Lucio Mastroberardino, che ha visto sfilare le etichette di
Fontanavecchia, Galardi, Maffini, Mastroberardino, Montevetrano,
Quintodecimo, Terredora e Villa Matilde, presentate dal
giornalista Luciano Pignataro, per l’occasione affiancato da
Tommaso Luongo, delegato AIS per la Campania.
   
A ribadire inoltre l’aspetto business internazionale che
contraddistingue l’iniziativa partenopea, la presenza di sette
buyer e quattro giornalisti provenienti da Svezia, Danimarca,
Gran Bretagna, Lituania e Polonia, giunti a Napoli grazie al
rapporto tra VitignoItalia e ICE.
   
“La risposta di Napoli è stata come di consueto assolutamente
positiva – conclude Teti -. VitignoItalia si candida ancora una
volta a essere il punto di riferimento fieristico, legato al
mondo del vino, per tutto il Centro-Sud. Diamo appuntamento al
mese di giugno 2022, dal giorno 5 al 7, quando finalmente Castel
dell’Ovo riaprirà le sue porte per ospitare l’evento principe
dell’estate del vino”. VitignoItalia è un evento in
collaborazione con Assessorato Agricoltura Regione Campania e
ICE. (ANSA).
   





Source link

Rispondi